Blog

Codice fiscale per stranieri: come richiederlo e i documenti da presentare

14 Apr 2021 - Categoria: Blog /
Codice fiscale per stranieri

Il codice fiscale è uno dei documenti più importanti per i residenti in Italia e per gli stranieri che vivono nel nostro Paese per motivi di lavoro o in seguito a ricongiungimento familiare. Si tratta di una tessera di plastica con banda magnetica, senza fotografia, che identifica un individuo in modo univoco. Il codice fiscale è un codice alfanumerico di 16 cifre, cioè è composto da una serie di numeri e lettere a partire da nome e cognome, luogo di nascita e sesso della persona. Se ti trovi in Italia e ti chiedi come fare il codice fiscale per stranieri, in questa pagina trovi tutte le informazioni utili per richiederlo in modo semplice.

In questa pagina parleremo di:

Dove si fa il codice fiscale per stranieri?

In base alla legge, i cittadini stranieri sono quelli che non risiedono in uno stato dell’Unione Europea. Per i cittadini italiani, così come per gli stranieri che risiedono in Italia con permesso di soggiorno, il codice fiscale viene emesso dall’Agenzia delle Entrate. Nel caso di cittadini stranieri, la richiesta viene inoltrata dalla Questura, dalla dallo Sportello Unico Immigrazione, in base alla propria situazione.

Lo Sportello Unico per l’immigrazione è un ufficio che si trova in tutte le sedi delle prefetture italiane ed ha lo scopo di rilasciare i nulla osta (permessi) ai cittadini stranieri per lavoro subordinato stagionale, a tempo determinato e indeterminato, per il ricongiungimento familiare, e per convertire i permessi per studio, tirocinio o lavoro stagione in permessi per lavoro subordinato.

Per richiedere invece un duplicato del codice fiscale in caso di furto, smarrimento o perché la tessera si è rovinata, oltre agli uffici fisici si può fare anche una richiesta online sul sito ufficiale dell’agenzia delle entrate, indicando il codice fiscale oppure i dati anagrafici completi, oltre a una dichiarazione dei redditi dell’anno precedente e una motivazione per la richiesta.

  • Cittadini stranieri con permesso di soggiorno

Se hai già ottenuto un regolare permesso di soggiorno presso lo Sportello Unico dell’Immigrazione per lavoro subordinato o per un ricongiungimento con la tua famiglia, puoi richiedere il codice fiscale presso lo sportello di un ufficio dell’Agenzia delle Entrate, tramite un sistema di collegamento telematico con l’Anagrafe tributaria. Quest’ultima è una banca dati nazionale che comprende tutti i dati di fiscali dei contribuenti italiani.

  • Cittadini stranieri in attesa del permesso di soggiorno

Se hai richiesto un visto o un permesso di soggiorno e non hai ancora ottenuto l’esito definitivo, puoi richiedere il tuo codice fiscale alla questura, che gestisce il rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno e che inoltrerà a sua volta la richiesta all’Agenzia delle Entrate.

Che cosa serve per fare codice fiscale? Il modulo richiesta codice fiscale stranieri

Per ottenere il codice fiscale è necessario avere un permesso di soggiorno valido. Il codice fiscale si richiede in questo caso direttamente all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate più vicino, compilando un modulo che si chiama AA4/B. in questo modulo vanno scritti in stampatello tutti i dati anagrafici, il domicilio fiscale in Italia e la propria residenza estera.

Se non parli l'italiano o non sei sicuro di comprendere bene i campi del modulo, niente paura: è disponibile in molte lingue, tra cui inglese, francese, spagnolo, tedesco. Insieme al modulo, bisogna esibire un documento di identità non scaduto. Per i minori, la richiesta è presentata da un genitore con il proprio documento di identità. In alternativa al modulo, puoi presentare all’ufficio dell’agenzia delle entrate i seguenti documenti:

  • Un passaporto valido un altro documento riconosciuto dalle autorità italiane
  • Un’attestazione di identità con foto, rilasciata dall’ambasciata in Italia del tuo Paese
  • Il permesso di soggiorno valido
  • La carta d’identità rilasciata dal comune in cui risiedi

A che cosa serve il codice fiscale per stranieri?

Si tratta, insieme alla carta di identità e alla patente, di uno dei documenti più utili in Italia. In particolare, il codice fiscale è emesso dallo Stato italiano per prevenire le frodi finanziarie e si utilizza soprattutto per ragioni economiche: pagamenti, ricariche di carte bancarie, e altro.

Il codice fiscale è inoltre richiesto nella maggior parte dei moduli per acquistare qualcosa ed è necessario per lavorare, per affittare una stanza o un appartamento, per iscrivere i figli a scuola, per effettuare dei pagamenti a distanza rateali e per qualsiasi servizio offerto dagli enti pubblici e dalle società di distribuzione di gas, luce telefono, acqua e servizi internet.

È necessario inoltre nei seguenti casi:

  • Ricevere assistenza e cure dal Servizio Sanitario Nazionale
  • Fare richiesta per contributi o prestazioni sociali, d’esempio: bonus statali e comunali, assegni al nucleo familiare, bonus maternità e altro
  • Richiesta di assunzione per collaborazione domestica
  • Apertura di una propria attività lavorativa autonoma con la partita IVA

Come avere il codice fiscale per stranieri senza permesso?

È possibile avere un codice fiscale stranieri senza permesso di soggiorno? Sì. Oltre alla richiesta di permesso di soggiorno non ancora approvata o ricevuta, esistono dei casi in cui la questura, tramite il collegamento con l’Anagrafe tributaria, attribuisce direttamente il codice fiscale senza necessità di un visto precedente. Nello specifico, si può richiedere per motivi umanitari, assistenza minori, protezione internazionale, richiesta di asilo politico.

Inoltre, gli stranieri che non hanno un permesso di soggiorno definitivo, compresi quelli clandestini, possono richiedere una tessera STP (Straniero Temporaneamente Presente), per ricevere cure sanitarie urgenti presso gli ospedali pubblici. La tessera STP può essere richiesta all’Ufficio ASL del comune in cui ti trovi, oppure direttamente al pronto soccorso se ti rechi per una visita urgente. Per ottenere questa tessera devi presentare:

  • Un documento di riconoscimento, oppure i tuoi dati anagrafici: nome e cognome, luogo e data la nascita, sesso e nazionalità.
  • Una dichiarazione di indigenza, cioè comunichi che vivi in condizioni economiche precarie.

Questa tessera dura sei mesi, si può rinnovare quando scade sempre alla Asl e ti permette di ricevere varie cure sanitarie, tra cui quelle urgenti in cui c’è pericolo di vita, quelle per maternità e gravidanza, i vaccini obbligatori per la legge italiana, le cure per i minorenni e quelle che riguardano le malattie infettive.

Quanto tempo ci vuole per avere il codice fiscale?

Le procedure telematiche di inoltro per la richiesta del codice fiscale, anche nel caso di codice fiscale non residenti e di codice fiscale extracomunitari, hanno reso molto più veloce rispetto qualche anno fa la ricezione della tessera con il codice fiscale. In seguito alla verifica e all’approvazione dei dati indicati nella richiesta, il codice fiscale viene spedito tramite posta direttamente dall’Agenzia delle Entrate all’indirizzo indicato nel modulo di richiesta in breve tempo.

Usiamo cookies e altri strumenti di analisi che ci aiutano a capire come viene utilizzata la nostra pagina web e a creare una miglior esperienza adattata ai nostri clienti. Al selezzionare "Accettare", confermi l'uso che facciamo dei cookies. Puoi cambiare le impostazioni e ottenere maggiori informazioni..