Blog

Come cambiare soldi quando sei all'estero

19 Mag 2021 - Categoria: Blog /
Cambiare soldi all'estero

Se devi fare un viaggio all’estero e ha bisogno di valuta locale, ci sono tanti metodi per ottenerla. Dal cambio valuta da prenotare presso la tua banca fino al prelievo presso gli ATM all’estero con il bancomat o con la carta di credito, puoi utilizzare e prelevare la valuta locale in modo molto più facile rispetto al passato, quando c’erano soltanto i “traveller’s cheques”. Ma occhio alle commissioni e ai tassi di cambio!

In questa guida trovi tutte le informazioni utili per cambiare il tuo denaro all’estero:

  • Dove cambiare la valuta all’estero
  • I metodi più convenienti per cambiare all’estero
  • Le spese e i tassi di cambio

Cambiare denaro all’estero: le cose da fare prima di partire

Pronti! Biglietto fatto, valigia pronta, parenti e amici avvisati, l’emozione del viaggio che inizia a farsi sentire. Che si tratti di un viaggio per turismo, per lavoro o per rivedere la tua famiglia, se devi viaggiare all'estero e ti trovi a visitare un Paese in cui non c’è l’euro devi affrontare il problema della valuta locale. Quanto tempo starai via? Di quanti soldi avrai bisogno? Porterai con te bancomat, carta di credito, o carte prepagate?

Prima di partire devi fare un rapido calcolo, anche approssimativo, del denaro che ti servirà all’estero. Questo importo ti permetterà di decidere se è il caso di prenotare tutto in parte l’importo in valuta straniera presso la tua banca, di decidere di quanto caricare il plafond della tua carta ricaricabile di valutare le commissioni e le spese che si applicano quando prelevi o paghi in valuta estera con le carte di debito e le carte di credito.

In generale, il consiglio è di portare un po’ di valuta straniera contante, e di utilizzare le carte per prelevare e pagare in valuta locale. La valuta straniera va prenotata presso la tua banca almeno una settimana prima, e anche con maggiore anticipo se si tratta di una valuta poco diffusa. In questo modo avrai a disposizione un tasso di cambio più basso rispetto a quello del paese estero e potrai portare una somma in valuta locale per le spese quotidiane.

Verifica il tasso di cambio

Per evitare brutte sorprese, per confrontare i prezzi dei vari uffici di cambio che troverai all’estero e per evitare le commissioni maggiorate, scarica sul tuo telefonino una app che ti permette di conoscere il tasso di cambio tra l’euro e la valuta del posto. Questo tasso cambia in tempo reale, ma comunque è importante conoscerlo prima di partire per avere un’idea dei costi e delle commissioni per cambiare valuta che troverai presso gli uffici di cambio degli aeroporti, presso le banche locali e in città.

Conviene prelevare valuta straniera con il bancomat o con la carta di credito?

Non è mai saggio visitare un posto straniero portando con sé importi elevati di contanti. Per la gestione delle spese quotidiane è utile portare una quantità minima di contante, e lasciare il resto della somma presso le casseforti degli alberghi o comunque al sicuro. Se porti carta di credito e di debito, informati accuratamente sul massimale giornaliero e mensile per ciascuna carta, in modo da non correre il rischio di restare senza fondi una volta che sei all’estero. Informati inoltre sulle commissioni di prelievo delle carte, e se i circuiti delle tue carte sono presenti nel Paese in cui andrai. In questo caso, puoi avere commissioni basse o addirittura gratuite sui prelievi anche all’estero.

Attenzione: i prelievi con la carta di credito in valuta estera hanno commissioni più alte rispetto a quelli con il Bancomat. Infine, verifica che le tue carte siano abilitate ai prelievi e ai pagamenti all’estero: spesso è necessario attivare questa funzione tramite la app della banca o direttamente in filiale. In questo modo, potrai utilizzare la carta senza problemi ed evitare un blocco di sicurezza. Infine, è importante verificare le tasse locali: alcuni Paesi applicano un importo aggiuntivo al prelievo.

Aprire un conto corrente all’estero

Se prevedi di restare all’estero per tanto tempo o se il viaggio è particolarmente lungo può essere conveniente aprire un conto corrente direttamente presso una banca estera. In questo modo si potrà ricevere un bancomat o una carta di credito da usare direttamente con la valuta locale, e le uniche spese saranno quelle relative all'apertura del conto corrente.

Cambiare i soldi all’estero: dove conviene?

Dove cambiare i soldi stranieri? Premesso che è sempre utile portare anche un importo minimo in valuta locale prima di partire per le spese urgenti e magari per acquistare qualcosa all’arrivo, vi sono tante opzioni per cambiare i soldi all’estero. Tra le soluzioni più care e da sconsigliare vi sono gli uffici di cambio presso gli aeroporti e le stazioni ferroviarie, perché hanno delle commissioni sul cambio molto elevate che partono dal 10% in su.

Un’alternativa meno cara è il cambio presso gli uffici di cambio in città, che in genere hanno delle commissioni più favorevoli, e presso le reception degli alberghi che offrono questo servizio. Il denaro contante si può cambiare inoltre presso gli uffici postali e le banche del paese stranieri.

Riguardo ai costi, le commissioni degli uffici di cambio possono essere fisse, cioè indipendenti dall’importo che si cambia, oppure variabili in base all’importo. In questo caso, è conveniente cambiare importi elevati e fare pochi cambi.

Gli acquisti con le carte: in euro o in valuta locale?

Quando compri qualcosa all’estero con il bancomat o carta di credito, potete scegliere se pagare in euro o in valuta locale. Si consiglia di scegliere sempre la valuta locale, se la carta lo permette. In questo modo potrete avere un tasso di cambio più vantaggioso e controllare sull’estratto conto la cifra spesa.

Per le piccole spese si consiglia sempre di portare con sé monete e banconote locali da piccolo taglio: anche se in molti Paesi l’euro è accettato per i pagamenti, potresti scoprire che alla fine avrai pagato di più.

Che cosa fare con la valuta locale che resta al ritorno?

Spesso capita di trovarsi alla fine del viaggio, prima del rientro, con della valuta locale che non si sa come utilizzare. La scelta in questo caso dall’importo. Se è una cifra elevata, si può cambiare di nuovo, presso la banca in Italia o presso gli uffici di cambio locali: è importante verificare sempre le commissioni, perché non sempre è conveniente.

Anzi, spesso conviene utilizzare la valuta locale rimasta per fare degli acquisti prima di partire, ad esempio artigianato e prodotti locali, oppure gli ultimi souvenir e i regali al duty -free dell’aeroporto. Se l’importo è minimo, o se restano tante monete, è bello portarle con sé a casa e tenerle come ricordo.

Usiamo cookies e altri strumenti di analisi che ci aiutano a capire come viene utilizzata la nostra pagina web e a creare una miglior esperienza adattata ai nostri clienti. Al selezzionare "Accettare", confermi l'uso che facciamo dei cookies. Puoi cambiare le impostazioni e ottenere maggiori informazioni..