Blog

Che cosa vuol dire essere cittadini italiani?

31 Ago 2022 - Categoria: Blog /
Passaporto e bandiera italiani

Secondo la legge, la cittadinanza è uno status con cui il cittadino ha tutti i diritti civili e politici previsti dal Paese in questione. Quindi, ad esempio, può votare, può iscriversi ai concorsi pubblici, può sposarsi.

In Italia, ci sono vari modi per ottenere la cittadinanza: scopri in questa pagina i requisiti per la cittadinanza italiana, quanto costa, e tutte le procedure previste dalla legge.

In questa pagina parleremo di:

Come si ottiene la cittadinanza italiana?

La cittadinanza italiana si può acquisire automaticamente o su richiesta. Sono cittadini italiani in automatico tutti quelli che hanno almeno un genitore italiano, i minorenni adottati da un cittadino italiano, e quelli che sono nati in Italia, i quali possono chiedere la cittadinanza dopo i 18 anni, se hanno sempre risieduto in Italia in modo legale. In tutti gli altri casi, la cittadinanza italiana va richiesta.

La cittadinanza italiana per matrimonio

È possibile ottenere la cittadinanza italiana per matrimonio. In base alla legge, sia gli stranieri che gli apolidi, coniugati con un cittadino italiano, possono diventare cittadini italiani, con le seguenti condizioni:

  • residenza legale da almeno due anni in Italia dopo il matrimonio, oppure
  • residenza all'estero dopo tre anni dal matrimonio, sei nel frattempo non c'è stata una separazione, un annullamento, e i coniugi sono ancora sposati.

Se ci sono figli, sia adottati che naturali, il periodo di tempo è dimezzato: quindi, un anno nel primo caso e un anno e mezzo nel secondo.

I documenti richiesti per la cittadinanza in caso di matrimonio

  • documento di identità (passaporto o una carta d'identità);
  • atto di nascita: questo documento deve essere tradotto e legalizzato dall'ambasciata o dal consolato del paese di nascita;
  • certificato penale;
  • atto integrale di matrimonio, anche se religioso;
  • certificato di conoscenza della lingua italiana, livello minimo B1.

La cittadinanza italiana per residenza

Tutti gli stranieri, sia nati in Italia che in Unione europea, oppure in un Paese extracomunitario, possonochiedere la cittadinanza italiana nei seguenti casi:

  • nati in Italia con residenza legale in Italia da almeno tre anni;
  • stranieri figli o nipoti in linea retta di cittadini italiani, sempre con residenza legale in Italia da almeno tre anni;
  • maggiorenni, adottati da un cittadino italiano, che risiedono in Italia legalmente da almeno 5 anni dopo l'adozione;
  • stranieri che hanno lavorato per lo stato italiano, anche all'estero, per almeno 5 anni;
  • cittadini dell'Unione Europea che risiedono in Italia legalmente da almeno 4 anni;
  • rifugiati e apolidi che risiedono in Italia legalmente da almeno 5 anni;
  • extracomunitari che risiedono legalmente in Italia da almeno 10 anni.

I documenti richiesti per la cittadinanza in caso di residenza

  • documento di identità, (passaporto o una carta d'identità);
  • atto di nascita, tradotto e legalizzato dal consolato o dall'ambasciata del Paese da cui proviene il richiedente;
  • certificato penale del paese di origine, anche questo tradotto e legalizzato (non è necessario se chi fa la richiesta risiede in Italia);
  • fotocopia del permesso di soggiorno valido e certificati di residenza con lo storico: lo storico serve per verificare i requisiti di residenza continua in Italia;
  • dichiarazione dei redditi degli ultimi tre anni: ad esempio Modello Unico, modello CU, modello 730, oppure l'estratto conto dell'Inps nel caso di collaboratori domestici, badanti, colf;
  • certificato di conoscenza della lingua italiana, livello minimo B1.

I costi e i tempi per ottenere la cittadinanza

Oltre ai costi necessari per produrre i documenti, e nel caso le legalizzazioni se i documenti sulle lingua straniera, in tutti i casi la richiesta di cittadinanza telematica prevede l'invio delle ricevute di due pagamenti:

  • una marca da bollo da 16 €;
  • la ricevuta di un versamento di 250 €. Questo versamento va fatto sul conto corrente postale n.809020 intestato: Ministero Interno D.L.C.I. cittadinanza. La causale è “cittadinanza”.

La richiesta di cittadinanza ha tempi di attesa lunghi: se tutti i documenti sono validi, possono trascorrere fino a 36 mesi (3 anni). Passato questo tempo, si riceve una risposta via e-mail anche se la cittadinanza è rifiutata.

Attenzione: con una nuova legge, dal 2018 il governo può revocare la cittadinanza anche a chi l'ha acquisita, in caso di reati connessi al terrorismo.

Come si presenta la richiesta di cittadinanza?

La richiesta di cittadinanza italiana si effettua online sulportale del Ministero dell'Interno. Per accedere a questo portale è obbligatorio avere un'identità SPID.

Ecco la procedura.

Si accede tramite le credenziali SPID. Si clicca su cittadinanza e poi su “la mia domanda di cittadinanza”. È necessario compilare un modulo telematico in base ai requisiti posseduti e allegare tutti i documenti richiesti.

Dopo aver compilato la domanda si riceve un numero di pratica che consente di verificare lo stato di avanzamento sullo stesso portale in cui si è effettuata la richiesta.

Per qualsiasi domanda, verifica, o informazione è possibile inviare una mail PEC a [email protected], oppure telefonare, dalle 10 alle 12:

  • lunedì 334 690 9996
  • mercoledì 06 465 39 955
  • venerdì 331 653 6673

La convocazione e il giuramento

La domanda compilata viene inviata alla prefettura, per chi risiede in Italia, o al consolato per chi risiede all'estero. Nel caso in cui venga accettata la richiesta, si riceve una convocazione tramite l’e-mail indicata durante la registrazione, per la convocazione al consolato o in ambasciata.

Durante questa convocazione si ricevono i documenti relativi alla cittadinanza, e si giura fedeltà nei confronti della Repubblica Italiana.

Invia e ricevi un bonifico all’estero con Small World

Se sei straniero e ti trovi in Italia, con Small World puoi ricevere e inviare denaro alla tua famiglia all’estero, attraverso il sito, con una carta o con la nuova app. Il primo trasferimento è sempre gratuito e il denaro può essere ritirato presso un partner autorizzato, a domicilio, oppure con un bonifico bancario sul conto corrente.

politica dei cookies.

Usiamo cookies e altri strumenti di analisi che ci aiutano a capire come viene utilizzata la nostra pagina web e a creare una miglior esperienza adattata ai nostri clienti. Al selezzionare "Accettare", confermi l'uso che facciamo dei cookies. Puoi cambiare le impostazioni e ottenere maggiori informazioni.