Blog

Eid al Fitr, la festa di tre giorni per la fine del Ramadan

09 Feb 2022 - Categoria: Blog /
Eid al Fitr

Tra le celebrazioni più importanti del mondo musulmano c’è una ricorrenza che dura per tre giorni, con banchetti, preghiere e beneficenza. Stiamo parlando di Eid al Fitr, la festa della fine del digiuno, tra le ricorrenze religiose più importanti di questa religione insieme al Ramadan e alla Festa del Sacrificio, Eid al Adha.

Di che si tratta, come si celebra e qual è il suo vero significato? Scopri tutte le informazioni in questa guida, e come si festeggia presso i musulmani nel mondo.

In questa pagina parleremo di:

  • Che cos’è Eid al Fitr?
  • Eid al Fitr: il significato religioso
  • Come si festeggia Eid al Fitr?
  • Eid al Fitr in Italia

Che cos’è Eid al Fitr?

Da “Eid”, festa, e “Fitr”, fine del digiuno, Eid al Fitr è la seconda ricorrenza più importante dei musulmani e celebra la fine del Ramadan, il mese sacro in cui i musulmani digiunano dall’alba al tramonto.

Si tratta di una celebrazione che dura per tre giorni, con festeggiamenti che comprendono preghiere, banchetti con famiglia e amici, decorazioni e abiti nuovi.

Oltre a segnare la fine del Ramadan, Eid al Fitr segna l'inizio del decimo mese del calendario islamico, Shawwal. Ma quando inizia questa festa?

Come per le altre ricorrenze religiose, anche la data di questa festa è variabile; il calendario islamico è infatti un calendario lunare e l’inizio del mese dipende dall’apparizione in cielo della prima luna nuova.

La comunità islamica nel mondo è diffusa in tutti i continenti e ciascun paese ha le proprie regole e tradizioni per scandire l’inizio del mese. Inoltre, la distanza geografica fa sì che la luna nuova in cielo sia osservata in momenti differenti: per questo motivo, la data può variare da paese a paese.

Eid al Fitr: il significato religioso

Oltre a festeggiare perché si interrompe il digiuno, Eid al Fitr è una ricorrenza dalla forte valenza religiosa. Questo evento chiude infatti il mese sacro dei musulmani, quello in cui ilProfeta Maometto ha ricevuto per la prima volta la rivelazione del Corano direttamente da Dio.

Dopo un periodo di sacrificio, digiuno e riflessione, i musulmani festeggiano con tre giorni gioiosi e ringraziano Dio per averli sostenuti nello sforzo del Ramadan, pregandolo perché lo spirito di carità e di fratellanza permanga per tutto l’anno. L’aspetto religioso è fondamentale in questa festa: oltre a banchetti, festeggiamenti e visite ai parenti, i musulmani in questi giorni pregano in gruppo nelle moschee all’alba del primo giorno di festa, con una speciale preghiera che si chiama Salat al-Fajr.

Come si festeggia Eid al Fitr?

Durante l’Eid al Fitr, uffici e scuole sono chiusi. Dopo la preghiera mattutina, che si recita nelle moschee e nelle case, i musulmani festeggiano in famiglia con pranzi a base di ricette e dolci tradizionali. Il primo pranzo dopo i 30 giorni di digiuno è molto importante per queste comunità, e spesso oltre al proprio nucleo familiare si ritrovano anche con gli altri parenti.

Tra i piatti tipici, le famiglie preparano dei dolci a base di miele, datteri e pistacchi. Tra questi, uno dei più rappresentativi è ilMaamoul: si tratta di un dolce a base di pasta frolla farcito con frutta secca. Non solo cibo, però: la festa dell’interruzione del digiuno è anche un’occasione per fare visita ai propri defunti e per mettere in pratica zakat, l’elemosina, uno dei cinque pilastri dell’Islam.

Per questo durante questi tre giorni si organizzano banchetti per i poveri, si elargisce del cibo oppure si fanno donazioni in denaro alle moschee, che acquistano poi il cibo per i più bisognosi. Ma ci sono anche felicità e divertimento: in questi giorni i musulmani indossano i lori abiti migliori o ne comprano di nuovi, e le ragazze si dipingono con decori e motivi tradizionali del loro paese mani e polsi con l’hennè, una tintura naturale in polvere che resta per qualche giorno sulla pelle.

Eid al Fitr in Italia

Se sei musulmano e vivi in Italia, o se vuoi avvicinarti a questa religione, scopri qualcosa in più sulle feste religiose musulmane nelle principali città italiane come Roma e Milano.

I musulmani in Italia festeggiano con le loro famiglie e presso le moschee, e non sarà difficile rivolgerti alla comunità islamica italiana per trovare tutte le informazioni, non soltanto sulle date di inizio previste di questa festa ma anche su come e dove celebrarle, oppure per conoscere l’orario detto delle preghiere, come svolgerle correttamente e altre informazioni come le abluzioni che precedono la preghiera o la direzione in cui posizionarsi.

In generale, la comunità islamica italiana organizza seminari di approfondimento e celebrazioni nelle moschee, con tutti i dettagli per l’importo da versare per l’elemosina. Nello specifico, l’associazione raccomanda di dare priorità alle persone bisognose del Paese in cui si è fatto il Ramadan, ma consente anche il trasferimento di denaro per l’elemosina in un altro paese in cui vi siano crisi umanitarie e stati di bisogno. Inoltre, per tutte le informazioni su come celebrare Eid al Fitr in Italia puoi visitare il sito della comunità islamica italiana.

Invia e ricevi un bonifico con Small World

Con Small World puoi ricevere e inviare denaro dall’Italia, attraverso il sito o con la nuova app.

Il primo trasferimento è sempre gratuito e il denaro può essere ritirato presso un partner autorizzato, a domicilio, oppure con un bonifico bancario sul conto corrente.



politica dei cookies.

Usiamo cookies e altri strumenti di analisi che ci aiutano a capire come viene utilizzata la nostra pagina web e a creare una miglior esperienza adattata ai nostri clienti. Al selezzionare "Accettare", confermi l'uso che facciamo dei cookies. Puoi cambiare le impostazioni e ottenere maggiori informazioni.