Blog

Il Ramadan: il mese sacro dei musulmani

09 Feb 2022 - Categoria: Blog /
celebrazioni ramadan

Anche se è un pilastro del mondo islamico, il Ramadan è molto conosciuto in tutto il mondo anche dai non musulman. Questo periodo è comune a tutto l’Islam, ma viene celebrato da tutti i musulmani in modo diverso nei vari paesi e secondo le varie tradizioni: dalle decorazioni per le strade ai piatti tipici che si mangiano dal tramonto all’alba, ciascuna comunità ha i propri riti.

Ma cos’è, esattamente, il Ramadan? Da dove nasce e che cosa prevede? Scopri in questa guida completa le origini, il significato e le regole di uno dei periodi più importanti dei musulmani.

In questa pagina parleremo di:

  • Che cos’è il Ramadan
  • Quando inizia e quando finisce il Ramadan?
  • Le regole da seguire durante il Ramadan
  • La Notte del Destino e le preghiere del Ramadan

Che cos’è il Ramadan?

Il Ramadan è il nono mese lunare del calendario musulmano. Secondo la religione islamica, in questo mese il Profeta Maometto ha ricevuto la prima rivelazione da Dio. Per questo motivo il Ramadan è il mese sacro dei musulmani e un periodo di digiuno e riflessione e preghiera.

Insieme alla professione di fede, all’elargizione dell’elemosina, al pellegrinaggio alla Mecca e alle preghiere, il Ramadan è uno dei pilastri dell’Islam. Nello specifico si tratta di un periodo di 30 giorni, variabile ogni anno, nel quale tutti i musulmani credenti devono osservare il digiuno dalle prime luci dell’alba al tramonto, oltre a una serie di restrizioni, tra cui il divieto di bere, di fumare e di consumare rapporti sessuali.

In senso lato, oltre al digiuno vero e proprio, il Ramadan è un momento di pausa durante l’anno in cui si trascorre più tempo con i propri cari, si prega di più, e sono raccomandati introspezione e devozione, lettura del Corano e azioni di fratellanza e di solidarietà sia con i propri cari che verso i poveri. Al di là delle prescrizioni quindi, il senso del Ramadan per i musulmani è una vera e propria esperienza di fede, in cui ci si sente più vicini a Dio attraverso la purificazione fisica e spirituale.

Le regole da seguire durante il Ramadan

In base ai precetti del Ramadan tutti i musulmani, dalla pubertà in poi, devono osservare il digiuno da acqua e cibo dall’alba al tramonto, cioè fino a quando il sole è tramontato completamente, durante tutto il periodo del Ramadan.

Oltre al digiuno non possono fumare né avere rapporti sessuali dall’alba al tramonto. I bambini, i malati, le donne in gravidanza e in allattamento sono esentati dal Ramadan, così come chi è in viaggio, ma sono esortati comunque alla riflessione, alle preghiere e alla lettura del Corano. Chi si trova in viaggio e chi è in malattia può recuperare i giorni di digiuno in altri periodi dell’anno, mentre gli anziani e chi non può praticare il Ramadan o recuperare il digiuno durante l’anno è tenuto a donare almeno un pasto ai poveri per ogni giorno di Ramadan.

Dato che si digiuna di giorno e si mangia e si prega di notte, fino all'alba durante il periodo del Ramadan la vita dei musulmani è diversa dal solito: uffici e scuole sono chiusi, spesso non si tengono esami, e nelle città c’è calma di giorno, mentre dopo il tramonto molti negozi e ristoranti sono aperti.

Iftar e Suhur, i past dopo e prima il digiuno

Dopo il tramonto del sole, nelle case dei musulmani si consuma l’iftar, il pasto che rompe il digiuno quotidiano. In genere questo pasto è a base di minestre e varie portate di carne di agnello o montone, accompagnate da riso o cous cous e dolci.

Le famiglie si riuniscono per questo pasto, e poi si recano alla moschea per la preghiera della mezzanotte, che inizia circa due ore dopo il tramonto. Prima dell’alba, poi al risveglio, la giornata inizia con il suhur: un pasto leggero, a base di yogurt o latte, datteri, frutta e cereali.

Quando inizia e quando finisce il Ramadan?

II calendario lunare, che dura circa 354 giorni, comprende 12 mesi da 29 o 30 giorni ciascuno: per questo motivo, i 30 giorni di Ramadan non hanno una cadenza fissa ma avvengono a rotazione ogni anno in una data diversa.

L’inizio del nono mese del calendario lunare, infatti, parte ufficialmente con il sorgere della prima luna crescente del mese e termina circa 30 giorni dopo, con l’avvistamento della luna nuova. La fine del Ramadan e l’interruzione del digiuno sono celebrate con l’Eid al-Fitr, la festa che dura tre giorni e chiude ufficialmente il periodo del Ramadan.

Il periodo di inizio e fine del digiuno è annunciato durante la giornata dai minareti, ma in base ai vari paesi poi, può essere comunicato anche in altri modi: con dei colpi di cannone a salve, come in Medio Oriente, oppure con uomini che passano per i vicoli suonando un tamburo prima dell’alba, ricevendo dagli abitanti dolci o monete, come in Tunisia ed Egitto.

La Notte del Destino, le preghiere e gli ultimi dieci giorni del Ramadan

Le preghiere e le tradizioni del periodo di Ramadan comprendono la lettura integrale del Corano e, oltre alle cinque preghiere quotidiane, molti musulmani ne aggiungono una speciale, dedicata all’ulteriore avvicinamento con Dio.

Gli ultimi dieci giorni del Ramadan sono per i musulmani il periodo più importante e sentito. Questi ultimi dieci giorni comprendono infatti, al giorno 27, la rievocazione della Notte del Destino, Laylat-al-Qadr: in questa notte, secondo la religione, Maometto ha ricevuto il Corano. I musulmani pregano tutta la notte perché le porte del Paradiso restino aperte e rendono grazie a Dio fino al mattino successivo, in cui nelle moschee si recita la preghiera della festa.

Invia e ricevi un bonifico con Small World

Con Small World puoi ricevere e inviare denaro dall’Italia, attraverso il sito o con la nuova app. Il primo trasferimento è sempre gratuito e il denaro può essere ritirato presso un partner autorizzato, a domicilio, oppure con un bonifico bancario sul conto corrente.



politica dei cookies.

Usiamo cookies e altri strumenti di analisi che ci aiutano a capire come viene utilizzata la nostra pagina web e a creare una miglior esperienza adattata ai nostri clienti. Al selezzionare "Accettare", confermi l'uso che facciamo dei cookies. Puoi cambiare le impostazioni e ottenere maggiori informazioni.