Blog

6 piatti tipici dell'Eid al-Adha

22 Ago 2018 - Categoria: Cultura
Piatti Eid Al Adha

L’Eid al-Adha, o Festa del Sacrificio, è una delle feste più importanti per la comunità musulmana: ricorda il sacrificio che Ibrahim era pronto a compiere e, allo stesso tempo, festeggia il termine di uno dei 5 obblighi dell’Islam: il pellegrinaggio a La Mecca.

I festeggiamenti si centrano sulla preghiera e sulla condivisione con familiari e amici che si riuniscono in un banchetto. Il cibo, quindi, tiene un significato molto importante e, anche se l’agnello è la pietanza per eccellenza di questa festività (è l’animale che si sacrifica), esistono moltissimi altri piatti tipici a seconda di ogni zona.

Tajine. Tipico del Nord Africa (Marocco, Algeria e Tunisia). Si tratta di una pietanza di carne in umido che prende il nome dallo strumento che si usa per prepararlo: un vassoio di terracotta smaltata e decorata, con relativo coperchio a forma di cono. Normalmente il tajine viene cotto direttamente sulle braci, lentamente, affinché la carne si mantenga morbida. Durante l’epoca dell’Eid al-Adha, il tajine più conosciuto in Marocco è il Mrouzia a base di agnello e prugne e aromatizzato con miele, cannella e mandorle.

Biryani. Originario della Persia, è un piatto popolare in tutta l’Asia meridionale. Si tratta di riso basmati preparato con spezie, carne, pesce, uova o verdure. Normalmente si cuoce il riso da solo saltandolo in una padella simile al wok cinese, per poi mischiarlo con il resto di ingredienti precedentemente cotti.

Mahshi. Piatto popolare in tutta la comunitá araba, si tratta di diverse verdure ripiene di carne e cotte in salsa di pomodoro. Si possono usare zucchine, melanzane, peperoni o patate, mentre il ripieno è generalmente di vitello con spezie e riso. Per svuotare le verdure si usa uno strumento tipico chiamato hafara (simile a uno svuota verdura) che ha la punta rotonda in modo da non perforare gli ortaggi.

Khash o Pacha. Si prepara bollendo le parti di scarto di vacca, pecora o agnello come testa, zampe e stomaco. Nelle sue varianti è un piatto tradizionale in Iraq, Armenia, Afghanistan, Iran, Turchia e Azerbaigian. È tipico prepararlo come colazione accompagnato da uova, salsa di yogurt e erbe fresche.

Ma’amoul. Sono tipici dolcetti serviti in epoca di festa nella maggioranza dei paesi del Medio Oriente. A base di pasta frolla, però senza uova, vengono farciti con dattili, pistacchi o noci e spolverati con zucchero a velo. Si possono preparare a mano o con degli stampini speciali intagliati nel legno.

Tusha shinni / halwa. Dolce popolare del Bangladesh facile da preparare e a base di sola farina, zucchero, burro, cannella e cardamomo e guarnito con uva sultanina, mandorle o pistacchi. La consistenza cambia a seconda dei gusti: da una pasta spalmabile a un tusha shinni più solido. È comune mangiarlo a colazione, come merenda o alla fine di un pasto.

Usiamo cookies e altri strumenti di analisi che ci aiutano a capire come viene utilizzata la nostra pagina web e a creare una miglior esperienza adattata ai nostri clienti. Al selezzionare "Accettare", confermi l'uso che facciamo dei cookies. Puoi cambiare le impostazioni e ottenere maggiori informazioni..