Blog

La festa del giorno della costituzione nella Repubblica Dominicana

18 Ott 2021 - Categoria: Blog /
La festa del giorno della costituzione nella Repubblica Dominicana

In questa pagina parleremo di:

  • Quando si festeggia il giorno della costituzione? Data e origini
  • Come si celebra la festa nella Repubblica Dominicana
  • Gli eventi da non perdere: le sfilate

La Repubblica Dominicana è un Paese ricco di storia, tradizioni, sapori e paesaggi da sogno.

Tra le feste più importanti celebrate in questo paese caraibico vi è la Giornata della Costituzione, che si tiene ogni anno in tutta l'isola il weekend intorno al 6 novembre, con cerimonie, Santo Domingo. Il 27 Febbraio di ogni anno, invece, la Repubblica Dominicana festeggia l'indipendenza dalla Repubblica di Haiti, avvenuta qualche mese prima della nascita della nuova costituzione: il 27 Febbraio del 1844. In questo giorno, sfilate e parate colorano le vie e le piazze principali della capitale e delle altre città dell’isola.

Scopri in questa pagina tutti i dettagli e le origini di questa festa, e come viene festeggiata.

Il giorno della costituzione in Repubblica Dominicana: le origini

La Repubblica Dominicana ha un passato storico molto movimentato: basti pensare che ha avuto tante versioni di costituzioni, fino a quella definitiva attuale. Dalla data della sua nascita, la costituzione della Repubblica dominicana ha subito ben 39 modifiche,di cui l'ultima nel 2015. Oggi, la costituzione contiene 277 articoli.

La prima costituzione della Repubblica Dominicana è stata promulgata nella città di San Cristobal, località che si trova a circa 25 km da Santo Domingo, la capitale. Il 16 gennaio del 1844, era stato indicato un programma politico con le linee guida di questa costituzione, ispirata agli statuti della costituzione americana e di quella francese.

La costituzione sancì la prima separazione ufficiale della Repubblica Dominicana da Haiti e quindi la sua indipendenza.

Nel 1844, infatti, il patriottico di Santo Domingo Juan Pablo Duarte crea una società segreta, la Trinitaria, pianificando un colpo di Stato. Nel febbraio di quell’anno fu proclamata l'indipendenza della Repubblica Dominicana con un evento dal forte significato simbolico: dalla Puerta del Conde di Santo Domingo fu sparato un colpo di cannone e issata la bandiera che oggi tutti conosciamo, cioè quella con il blu, il rosso e il bianco.

Oggi l’isola caraibica festeggia questa indipendenza con cerimonie e discorsi ufficiali in due diverse giornate: durante il fine settimana che cade intorno al 4 novembre e il 27 febbraio di ogni anno, con sfilate e parate che coincidono con l’ultimo giorno del carnevale.

Come si celebra la festa nella Repubblica Dominicana?

Le celebrazioni del 6 novembre si tengono in tutte le principali località della Repubblica dominicana e ricordano il giorno della costituzione, el Día de la Constitución. Si tratta di un giorno festivo per la maggior parte dei dominicani e le celebrazioni iniziano il venerdì proseguendo per tutto il fine settimana.

In particolare, i dominicani rendono omaggio ai loro padri fondatori: Juan Pablo Duarte, Francisco del Rosario, Ramón Matías Mella e Sánchez nella “Puerta del Conde”, proprio a Santo Domingo, dove è avvenuta la dichiarazione per l'indipendenza , il 27 febbraio 1844. In questo giorno,ogni anno, il presidente della Repubblica Dominicana tiene un discorso cerimoniale trasmesso anche in televisione.

Gli eventi da non perdere: le sfilate degli scolari

Il 27 Febbraio, invece, in tutta l'isola è festa grande. Infatti, tutti gli uffici e le istituzioni sono chiusi, così come le scuole e gran parte dei negozi. In tutte le zone si organizzano le sfilate delle scuole pubbliche e private del paese. I gruppi di studenti girano per le strade ballando, cantando e suonando, con la bandiera ufficiale.

Si tratta di un evento da non perdere se vi trovate a Santo Domingo, poiché per tre ore, più o meno, tutte le località del paese si riempiono di coreografie, dove gli studenti mettono in mostra ciò che hanno imparato a scuola per tutto l'anno. Tutto il percorso è accompagnato da curiosi e genitori degli studenti, ed è un momento emozionante e patriottico.

La parata del 27 febbraio a La Vega

Non tutti sanno che, il 27 Febbraio di ogni anno, il giorno dell'indipendenza dalla Repubblica Dominicana coincide l’ultimo giorno di festeggiamenti del carnevale, che si celebra durante tutto il mese di Febbraio.

Qui si assaporano davvero l'identità culturale, la creatività e le tradizioni di questo paese. Uno dei luoghi più belli in cui seguire le parate del giorno dell'indipendenza della Repubblica dominicana è la Vega, una città che si trova a circa due ore di auto, 130 km, da Santo Domingo.

In questa giornata, le principali città dell’isola inviano a La Vega i propri rappresentanti ed è possibile assistere ad una variopinta e allegra sfilata in cui ciascun rappresentante indossa i costumi tipici.

Non è quindi un carnevale propriamente turistico, ma una vera e propria espressione di un popolo con tradizioni e costumi artigianali. infatti, ciascuno indossa il proprio costume e le maschere, che si collegano ai personaggi religiosi e popolari della città di provenienza. La giornata dell'Indipendenza è molto sentita da tutti i dominicani, al punto che alla parata de La Vega partecipano nelle sfilate oltre 150 gruppi mascherati. Il culmine della sfilata è l'elezione del Re e della Reginetta.Tra i personaggi più rappresentativi della festa d'indipendenza di Santo Domingo vi è il Diablo Cojuelo, in italiano il diavolo zoppicante.

Il Diablo Cojuelo

Il Diablo Cojuelo è uno dei personaggi più popolari e caratteristici della sfilata del giorno dell'indipendenza della Repubblica Dominicana. È vestito con un costume sgargiante, che simboleggia probabilmente gli abiti dei primi colonizzatori delle Americhe. Indossa un mantello molto colorato, arricchito da campane, nastri, sonagli, ha una maschera dalle grandi corna, e una frusta

Per le strade di La Vega, gruppi di diavoli così abbigliati si alternano alle sfilate dei gruppi in costume, passando in mezzo alle persone frustando simbolicamente con un bastone gli spettatori distratti. Vi consigliamo di fare attenzione, e se volete ci sono delle aree apposite da cui ammirare lo spettacolo sfuggendo ai “colpi” dei diavoli.

Invia e ricevi un bonifico in Repubblica Dominicana con Small World

Con Small World puoi ricevere e inviare denaro in Repubblica Dominicana, attraverso il sito o con la nuova app.

Il primo trasferimento è sempre gratuito e il denaro può essere ritirato presso un partner autorizzato, a domicilio, oppure con un bonifico bancario sul conto corrente.

Usiamo cookies e altri strumenti di analisi che ci aiutano a capire come viene utilizzata la nostra pagina web e a creare una miglior esperienza adattata ai nostri clienti. Al selezzionare "Accettare", confermi l'uso che facciamo dei cookies. Puoi cambiare le impostazioni e ottenere maggiori informazioni..